<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=228239434375765&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

08 FEBBRAIO, 2018   |   Lettura 6 min

5 consigli per vincere sul web e aumentare la propria produttività

author

5 consigli per vincere sul web e aumentare la propria produttività

Ho appena letto una frase che mi ha colpito e che voglio condividere con chi, al momento, ha un'azienda, un piccolo business o è in cerca di nuovi affari da concludere.

Quest'anno o cresci o muori (parafrasando il Differentiate or Die di Trout).

Le PMI puntano a Growth Hacking e Performance Marketing per potenziare il business. Essere sul web diventa un pre-requisito, la questione cruciale allora è: come vincere sul web e aumentare la produttività? 

Tra i 5 ELEMENTI FONDAMENTALI PER IL MARKETING DELLE PMI -che vedremo nell'articolo- i contenuti sono onnipresenti. Vediamo allora come sfruttarli al meglio per far diventare il 2018 l'anno d'oro per la tua azienda (e trovi un auto-check nelle conclusioni per vedere i profitti salire, salire).

Migliorare la produzione aziendale con il content marketing

Molte delle tecniche che funzionano online vanno bene anche per le attività di marketing off-line. Quindi i 5 elementi fondamentali che seguono sono concepiti per aumentare la propria produttività sul web ma alcuni di questi consigli sono universali per incrementare i profitti dell'area marketing e delle vendite.

È vero che ognuno di questi step persegue un proprio obiettivo e che ha bisogno a sua volta di una sub-strategia per funzionare ma il successo di ognuno di essi dipende da quello degli altri. Quando tutto funziona in sincronia, lo sviluppo del tuo business è sulla strada giusta e produce un ROI più consistente di quanto tu abbia potuto immaginare fino ad ora (o di quanto puoi scoprire grazie alla nostra consulenza gratuita con il direttore marketing).

New Call-to-action

5 consigli per le Pmi che vogliono crescere sul web

1/5: Brand positioning

Porto avanti da qualche tempo un personalissimo progetto di business, che con la "creazione di brand" ha molto a che fare. Ora, sono sicuramente in una fase ancora embrionale ma il primo punto su cui mi sto focalzzando è proprio il posizionamento del brand. Il boom è stata la fanpage di Facebook con migliaia di follower.

Il lavoro successivo (attuale) è di lavorare sulle interazioni, sulla creazione di connessioni vere con chi mi segue. Solo dopo comparirà la parte "commerciale" che, in a perfect world, sarà una naturale conseguenza del lavoro motivazionale svolto fino a questo momento.

Purtroppo la fretta invece spesso fa cadere nell'errore di entrare subito in modo massivo sul mercato, magari con pubblicità, annunci a pagamento, impennata delle vendite in real-time ma limitate al periodo di sponsorizzazione e senza alcun piano di crescita per l'azienda paventato all'orizzonte. 

  • Qual è il messaggio che vuoi comunicare?
  • Cosa ti differenzia dalla concorrenza?
  • Quali sono i core benefit che offri ai tuoi potenziali clenti?
  • Quali problemi risolvi?

Il Content Marketing svolge un ruolo fondamentale nella comunicazione del tuo messaggio aziendale e nel tuo lavoro di brand positioning. Nessun dubbio, giusto?

2/5: Traffico del sito web

Il sito web è la final destination dei tuoi prospect qualificati (e di tanto lavoro portato avanti per attirarli): affinché non diventi un incubo come l'omonimo film, deve contare su alcuni elementi fondanti.

  • Il CMS (Content Management System) che pensa alla crescita del tuo business, ottimizzando e potenziando l'efficacia dei contenuti.
  • L'ottimizzazione per i motori di ricerca e i device mobili.
  • I conversion path studiati per condurre il visitatore verso un'esperienza di acquisto straordinaria, accompagnandolo attraverso le singole fasi previste dal funnel di vendita.
  • Un blog che attira e converte, articoli redatti seguendo le regole del copywriting e diffusi sui canali di comunicazione scelti dall'azienda per un social media marketing produttivo e incisivo.

L'obiettivo? Tra le più grandi idee per migliorare l'azienda, far diventare il tuo sito -ben lungi da una brochure in vetrina- la miglior risorsa in assoluto per i tuoi buyer ideali, esponendoli in maniera proattiva e continua ai tuoi incredibili contenuti.

ps: come vedi anche in questo secondo consiglio, i contenuti svolgono un ruolo determinante.

3/5: Lead generation e vendite

Il terzo elemento indispensabile per aumentare la produttività sul web, è la generazione di traffico e di nuovi contatti. L'efficacia di un sito web si valuta in base a questa metrica: quanti visitatori riesce a convertire in reali opportunità di business. Il tempo dei pulsanti "contattaci" e "chiedi un preventivo" sono finiti o perlomeno da soli non hanno più efficacia.

Oggi hanno senso (e producono risultati) solo se inseriti in un più vasto e strutturato piano di marketing strategico, che getta le basi -molto profonde- nella produzione di contenuti di qualità (cioè utili e di valore per chi e fruisce). Perché generare un lead significa ottenere un nuovo contatto qualificato, anche se non ancora -e necessariamente- pronto per acquistare.

Il lavoro che comincia in un team di inbound marketing, dopo l'acquisizione di un nuovo lead per condurlo verso la vendita, segue un percorso specifico ed è molto complesso. L'inbound è una metodologia che richiede un approccio scientifico, che impone ritmi di lavoro serrati e la gestione in tempo reale di tutti i dati e le informazioni "che entrano" attraverso il sito (incluso il monitoraggio del traffico anonimo).

Quando il lead, lungo il suo percorso, sarà pronto per "la conversione" e per diventare un cliente pagante, chi credi che chiamerà:

  • la tua azienda che con contenuti e risorse di valore lo ha aiutato lungo l'intero tragitto?
  • o il tuo competitor senza visibilità, troppo intimorito o disinformato per attuare una strategia di questa portata?

4/5: Lead nurturing

C'è un altro elemento della strategia di marketing per PMI che l'azienda lungimirante deve conoscere: è il lead nurturing. Anche in questo caso, i contenuti sono indispensabili e anzi svolgono una funzione molto più intrigante e "latente" rispetto alle altre che abbiamo visto fino a questo momento (ma dalla portata dirompente!). 

Il ruolo di una strategia di lead nurturing all'interno della tua azienda:

  • Continuare ad aiutare ed educare i contatti che hanno realizzato un acquisto.
  • Continuare ad affermare la tua leadership nel settore e a costruire un legame di fiducia con la tua audience.
  • Mantenere la tua azienda top of mind, vale a dire nella mente del consumatore che quindi penserà a te per primo quando deciderà di effettuare un nuovo acquisto.

Il ruolo dei contenuti? Decisivo. In che forma? Newsletter, iscrizioni al blog, workflow di e-mail.

5/5: Reporting e calcolo del ROI

Ne avevo avuto sentore quando ho fatto formazione per ottenere la certificazione in Content Marketing-Hubspot e lo affermo ora dopo ore ed ore di lavoro e specializzazione: l'inbound è un approccio scientifico e il marketing oggi è molto più complicato di com'era prima.

L'aspetto positivo per la PMI è che, grazie a questa precisione e alla scrupolisità necessaria per attuare schemi e best practice, tutto è calcolabile, misurabile e tangibile. Il reporting e il calcolo del ROI rappresentano un elemento imprescindibile della strategia inbound dell'azienda, al pari degli altri appena esaminati. 

Finalmente, grazie a questa metodologia collaudata e automatizzata, possiamo capire le dinamiche, quantificare i risultati, valutare tutte le azioni intraprese per la crescita del tuo business e per le quali la tua azienda ha investito tempo, denaro, risorse ed energia.

Tra i primi elementi che analizziamo?

  • I contenuti, gli articoli del blog, le pagine di conversione
  • I link in entrata ottenuti grazie al valore generato alivello di content
  • I tassi di conversione di ogni singola pagina del sito web
  • Le tue campagne di lead nurturing
  • e via di seguito, contenuto su contenuto...su contenuto.

Conclusioni

Ti ringrazio per il tempo e l'interesse che ti hanno portato fino a questo punto dell'articolo. E ora? È giunto il momento di cominciare! Sì, ok ma da dove?

Una buona idea potrebbe essere di partire da un AUDIT della situazione iniziale della tua azienda, dall'analisi dei tuoi punti di forza e di debolezza e dei risultati migliori a cui puntare.

Puoi fare un check nell'immediato, rispondendo in maniera obiettiva a queste domande:

Quanto è efficace il tuo sito web?

Effettua una valutazione del tuo sito attuale -incluse implementazioni per ottenere uno più performante- e analizza gli attuali risultati.

In che situazione si trova attualmente la tua azienda?

Definisci il posizionamento dell’azienda sul mercato, il suo contesto competitivo e il messaggio che comunichi al tuo target di riferimento (come approcci le difficoltà dei tuoi clienti e come proponi di risolverle).

I tuoi contenuti convertono?

In quale misura i contenuti aziendali impattano sull’audience aziendale? Stai generando lead qualificati?

Sei soddisfatto della tua strategia di social media marketing?

Controlla i profili aziendali sui differenti social e valuta la presenza di reali connessioni con i follower, la quantità/qualità delle interazioni.

Oppure puoi richiedere una consulenza gratuita di 30 minuti con l'esperto di inbound marketing di Pepyta, che ti offrirà il suo aiuto per analizzare questi punti, uno ad uno. 


 
New Call-to-action


Ti è piaciuto l'articolo? Non dimenticare di condividerlo


Oppure lascia un commento


Pepyta
Dove siamo
Lugano

Ander Group SA
Via Campagna 13
CH-6982 Agno - Lugano
+41 91 966 99 66

Zurigo

Ander Group AG
Beethovenstrasse 5
CH-8002 Zurich
+41 44 493 94 94

Losanna

Ander Group SA
Av. du Theatre 7
CH-1002 Lausanne
+41 21 944 00 44

Partner
Social